Stampa

A BELLINZONA I CONTEMPORANEI SI DISTINGUONO NELLA «999». LA PREALPINA, Lombardia Oggi, 18 LUGLIO 1999. Fabrizio Rovesti.


Warning: A non-numeric value encountered in /homepages/22/d653782101/htdocs/clickandbuilds/BUZZI/wp-content/themes/herald/core/template-functions.php on line 193
Realizzare in questa stagione una rassegna con lavori di artisti rappresentativi dell’attuale situazione internazionale dell’arte e, soprattutto, proiettati verso il futuro è un’impresa non facile se si tiene conto, da una parte, della presenza contemporanea di una consistente Biennale di Venezia e, dall’altra, delle difficoltà a individuare forme e contenuti tematici futuribili in un momento in cui tutto sembra proponibile.E’ tuttavia quanto ha fatto il Centro d’Arte Contemporanea Ticino della città svizzera di Bellinzona che presenta al Ex-Troesh, già Mulini Ghidoni, l’esposizione «999» con 38 artisti selezionati in ambito nazionale e internazionale. …

Tra gli stranieri vi sono Christian Jankowski e Frank Thiel, il francese Frabrice Hybert, mentre gli italiani sono rappresentati da Carlo Buzzi, Sarah Ciracì, Ottonella Mocellin e Valerio Tosi. La mostra «999» è una possibile risposta alla domanda verso quali lidi naviga l’arte contemporanea.

Fabrizio Rovesti – “A Bellinzona i contemporanei si distinguono nella «999»” – LA PREALPINA, Lombardia Oggi, 18 Luglio 1991

About the author

Artista Pubblico

Carlo Alberto Buzzi è un artista italiano, conosciuto per i suoi interventi di public art nel contesto urbano.

Modus operandi
Carlo Buzzi si serve degli strumenti propri della comunicazione pubblicitaria. Opera interventi che coinvolgono il contesto urbano. Normalmente utilizza il comune poster tipografico. Un significativo numero di manifesti viene esposto in pubblica affissione. L’operazione è documentata fotograficamente. Il lavoro sarà in seguito formalizzato grazie alla produzione di un numero limitato di “quadri” (riproduzioni fotografiche, manifesti “strappati”).