Affissioni Brianza Biassono Lissone Macherio Operazioni Pubbliche Affissioni Seregno Sovico Vedano al Lambro

2009. Monza-Brianza. “Affissioni Brianza”. Sovico, Macherio, Biassono, Vedano al Lambro, Lissone, Seregno.


Warning: A non-numeric value encountered in /homepages/22/d653782101/htdocs/clickandbuilds/BUZZI/wp-content/themes/herald/core/template-functions.php on line 193

Oggetto: AFFISSIONI BRIANZA / operazione di arte pubblica nel territorio della brianza

L’operazione prevede, con una più precisa definizione in corso di realizzazione, l’organizzazione di una serie di pubbliche affissioni (quindi tassa di affissione regolata a norma di legge) distribuite, per un periodo di diversi mesi, nei comuni adiacenti Macherio (sede Studio Apeiron).
I manifesti esposti, sarà utilizzato un unico soggetto, sono titolati “Wizard”, la dimensione dei poster 100×70 cm.

Operazioni programmate

2009.10.06. Sovico, pubblica affissione, 15 manifesti per 15 gg. 1 2 3 4 5 6 7
2009.10.14. Macherio, pubblica affissione, 20 manifesti per 10 gg. 1 2 3 4 5 6
2009.11.04. Biassono, pubblica affissione, 40 manifesti per 10 gg. 1 2 3 4 5 6 7
2009.11.13. Vedano al Lambro, pubblica affissione. 8 manifesti per 10 gg dal 13/11; 8 manifesti per 10 gg dal 20/11; 8 manifesti per 10 gg dal 27/11. 1 2 3 4 5 6
2009.11.25. Lissone, pubblica affissione, 30 manifesti per 10 gg. 1 2 3 4 5 6 7
2009.12.17. Seregno, pubblica affissione, 50 manifesti per 10 gg. 1 2 3 4 5 6 7

FORMALIZZAZIONE OPERAZIONE


About the author

Artista Pubblico

Carlo Alberto Buzzi è un artista italiano, conosciuto per i suoi interventi di public art nel contesto urbano.

Modus operandi
Carlo Buzzi si serve degli strumenti propri della comunicazione pubblicitaria. Opera interventi che coinvolgono il contesto urbano. Normalmente utilizza il comune poster tipografico. Un significativo numero di manifesti viene esposto in pubblica affissione. L’operazione è documentata fotograficamente. Il lavoro sarà in seguito formalizzato grazie alla produzione di un numero limitato di “quadri” (riproduzioni fotografiche, manifesti “strappati”).