Milano Operazioni Pubbliche Affissioni

THE SCREAM | MILANO | 2015

Tornano a fare capolino per le via di Milano le opere/operazione “dell’unico vero artista pubblico”, Carlo Buzzi. Se nel suo precedente intervento nella città della Madonnina si era proposto nelle vesti di Padre Pio, ora il manifesto editato rilegge L’Urlo, il celeberrimo quadro popolar-globale di Edward Munch, operando in rapporto alla famosa icona un “necessario lifting” per adeguarla ai tempi nostrani.
In questa particolare occasione i manifesti di Buzzi campeggeranno più in alto del solito grazie alla disponibilità di S.C.I. (la prima società di affissione a realizzare maxi impianti tra i quali il famoso Spazio Armani di Via Broletto a Milano).
La “ghost face” della parodia munchiana apparirà in formato orizzontale su impianti distribuiti nell’intera città. Chi potrà non sentirsi interrogato dallo sguardo e dal profondo nero che emerge del grido di questa maschera angosciosa!
L’operazione è curata e coordinata da Stefano Roberto Mazzatorta, direttore della Galleria Civica di Campione d’Italia, in collaborazione con Theca Gallery di Milano.


Formalizzazione operazione PDF / PDF Alta definizione (37 Mb) | Apri in ARCHIVIO


THE SCREAM | MILANO | 2015

mappa-impiantigalleria-immagini comunicati-stampa

DSC_6393-carlo-buzzi-2015-the-scream-milano-public-art-piazzale-stadioDSC_6455-carlo-buzzi-2015-the-scream-milano-public-art-san-glicerioDSC_6352-carlo-buzzi-2015-the-scream-milano-public-art-federico-tesioTHE SCREAM | MILANO | Gennaio 2015 | Via Patroclo angolo via Ippodromo

About the author

Artista Pubblico

Carlo Alberto Buzzi è un artista italiano, conosciuto per i suoi interventi di public art nel contesto urbano.

Modus operandi
Carlo Buzzi si serve degli strumenti propri della comunicazione pubblicitaria. Opera interventi che coinvolgono il contesto urbano. Normalmente utilizza il comune poster tipografico. Un significativo numero di manifesti viene esposto in pubblica affissione. L’operazione è documentata fotograficamente. Il lavoro sarà in seguito formalizzato grazie alla produzione di un numero limitato di “quadri” (riproduzioni fotografiche, manifesti “strappati”).